Drik Dickinson

«L’acqua, visione e allegoria, è il tema che mi domina. La trasparenza mi porta al fondo oltre lo specchio, il fondo mi riporta alle domande della superficie. Mi emoziona la consistenza del percorso, l’incontro con le figurazioni della natura gettate nella casualità e come questa casualità esprima, in tonalità, posizioni, incroci, ritmi, il segreto di una composizione. Aspetto che il vento, la corrente, la luce scelgano lo scatto, come se fosse l’istante un tentativo di afferrare l’ineluttabile momento di presenza e dissoluzione delle cose. Il tempo. Il tempo è tutto. Il momento giusto, l’illusione di scorrere col tempo e lasciarmi fermare dove deve accadere. Continuare e fermare: a volte ho l’impressione che il mio lavoro sia una testimonianza privata, da confessare a nessuno, sulla caducità della vita come la sento, come si presenta ai miei occhi, materialmente.

Fiori abbandonati alla solitudine di una forma, un colore, foglie come zattere raccolte da naufragi, felci e ninfee in piani, strati, palpitazioni dall’immobilità scoperti in angoli lontani del mondo come rime della natura da ascoltare nelle rifrazioni. Quanta vanitas in queste onde dello spazio, quanta verità, per me, in questa vanitas. Sono e resterò fuori dagli apparati, per me sono distrazioni, non cerco le luci, se non un richiamo per l’istante dello scatto. Credo nella libertà di non partecipare a una vita culturale organizzata, libera di chiudere la porta, di chiudere le tende. Poi esco e incontro le mie acque (il Connemara è la mia pagina), goccia su goccia. Semplice e irresistibile incontrare questo universo fluido e fragile, semplice e irresistibile il piacere di perdermi e scomparire nelle mie immagini, sola, e tutto il mondo fuori.» (Vanitas, Drik Dickinson, 2017)
Vedi biografia

Opere disponibili

Opere disponibili


  • Inside #61, 2017

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #42, 2017

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #33, 2016

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #2, 2016

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #1, 2016

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #62, 2016

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #41, 2017

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #31, 2016

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x 42,4 x 6 cm (con cornice in plexi)


  • Inside #22, 2016

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x cm (con cornice in plexi)


  • Inside #3, 2016

    Ed. 1/5
    archival pigment print su carta Hahnemuhle
    42,4 x cm (con cornice in plexi)

    Pubblicazioni

    News

  • A partire da sabato 25 novembre 2017,  Studio la Città ospita la nuova ed inedita serie di lavori dell’artista – veneziana di nascita ma irlandese d’adozione – Drik Dickinson.
    Inside, questo il titolo della personale che vede esposte una selezione di dieci fotografie tratte  all’omonima serie in cui l’artista, da sempre intimamente legata al tema della Vanitas, evolve.
    25 novembre 2017 – 5 gennaio 2018 | Studio la Città – Verona