Mario Schifano

«[…] Così, a coloro che pensano che Schifano sia stato una specie di ingenuo profeta dei mass media o delle nuove tecnologie, solo perché fotografava lo schermo televisivo per poi dipingerlo, si dovrà rispondere che no, che la sua massima interattività mediatica era col pennello e la tela, e che questo non era neppure frutto di una scelta concettuale o, peggio, ideologica: era “umano”, e questo bastava. Questa “umanità” intrinseca della pittura, che Schifano frequentava con felice disinvoltura, che poi metteva nei quadri, rischia invece oggi di venire travisata in una specie di querelle tra apocalittici e integrati dell’arte, sulla liceità, sul valore, sul nuovo millennio… “Cosa volete da me? Sono solo un

pittore” avrebbe probabilmente detto Schifano, nascondendosi dietro una sorta di undestatement comportamentale che in fondo nascondeva un’unica, grande certezza, in mezzo a mille insicurezze di carattere: la certezza di non dover cercare, ma di aver trovato, secondo il famoso aforisma picassiano. È questo quello che accomuna i grandi “produttori” d’arte di questo secolo, come Picasso, Fontana, Warhol e, perché no, Schifano: hanno trovato».
Marco Meneguzzo, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità umana. Arte e media in Schifano,
in Mario Schifano per esempio, 1998, Edizioni Charta, Milano
Vedi biografia

Opere disponibili

Opere disponibili


  • Paesaggio anemico, 1972

    matita, pennarello, smalti su carta quadrettata
    100 x 70 cm


  • Paesaggio industriale, 1979

    smalti su carta fotografica
    100 x 70 cm


  • Rovine, 1978

    smalti su carta fotografica
    100 x 70 cm


  • Quattro Visi, 1981

    smalto su collage
    100 x 70 cm


  • Fabbrica, 1982

    smalti su gelatina fotografica su carta
    100 x 70 cm


  • Volto, 1981

    smalti su acetato su carta
    100 x 70 cm


  • Donna bionda, 1981

    smalti su gelatina fotografica su carta
    100 x 70 cm


  • Casa con tetto a cupola, 1981

    Casa con tetto a cupola – 1981, smalti su gelatina fotografica su carta / enamels on photographic gelatin on paper, 100 x 70 cm