Roberto Pugliese

Roberto Pugliese

La tecnologia per Roberto Pugliese non è mai stata fine a se stessa. Il sound artist che da alcuni anni collabora con Studio la Città, pone sempre in primo piano il flusso vitale, il suono e la tecnica come componenti di un’interazione felice tra il naturale e l’artificiale. Le grandi installazioni, caratterizzate non solo dalla raffinatezza concettuale, ma anche dalle visualità dei cavi e dei diffusori acustici quasi fossero elementi organici, lo hanno contraddistinto nel panorama della ricerca artistico-sonora mondiale. Nei lavori che vengono presentati per la prima volta con la mostra “Concerto per natura morta”, il percorso del giovane artista si arricchisce di nuove idee e assume un’estetica in cui la tecnologia e il suono interagiscono con materiali naturali. La grande installazione che da il titolo alla mostra è costituita da 13 grandi tronchi di alberi di castagno, precedentemente svuotati con una macchina costruita per questo scopo. Le piante adoperate erano già morte per cause inerenti lo sviluppo del bosco che formavano. L’artista ha creato così dei diffusori naturali che trasmettono i suoni elaborati, a partire proprio da rumori e frequenze generate meccanicamente dall’operazione di preparazione dei tronchi stessi. Si può quindi dire che il “Concerto per natura morta” rivitalizzi gli alberi e che la musica diventi la loro nuova linfa.

In un altro lavoro il medium diventa la ceramica. “Risonanti pressioni materiche” è un’opera a parete in cui il suono composto da Pugliese viene emesso da una serie di piccole “trombe” poste una accanto all’altra. Anche in questo caso l’elettronica viene messa a confronto con un materiale naturale, l’acustica che ne segue nasce da questo rapporto. Lo stesso nell’opera “Fluide propagazioni alchemiche”, dove gli speakers sono immersi nei diversi liquidi contenuti in una serie di grandi bottiglie di vetro (come quelle per contenere l’olio o il vino). L’installazione, posta a terra, genera così suoni diversi non solo per le qualità compositive, ma anche per la diversa resistenza e propagazione delle onde sonore attraverso le differenti densità. Inoltre, come sempre nel lavoro di Roberto Pugliese, il suono che l’artista realizza ha origine nei materiali che adopera, nei parametri che gli elementi delle opere contengono e che vengono sviluppati secondo formule matematiche. Il suono diventa così realmente e totalmente organico e la percezione visiva si accresce di un’estetica della complessità che è polisensoriale oltre che multimediale. Probabilmente questi ultimi lavori sono un nuovo punto di arrivo del percorso dell’artista, sempre teso alla ricerca di esperienze di ricerca tra arte, suono e natura. (Valerio Dehò)
Vedi biografia

Opere Disponibili

Video

Opere Disponibili


  • Tromba solo - Omaggio a Paolo Fresu, 2016

    tromba, speaker, sistema di riproduzione e composizione audio, iPod
    15,5 x 24 x 11,5 cm


  • Violino solo, 2016

    violino, distanziatore in acciaio e plexi a muro, sistema di riproduzione audio monocanale e composizione audio, cellulare e caricatore cellulare
    59 x 22 x 20 cm


  • La finta semplice, 2016

    4 contrabassi, 4 violoncelli, 4 viole e 4 violini, corde in metallo, cavi, sistema di riproduzione audio, composizione multicanale
    dimensioni ambientali
    installation view - Museo degli Affreschi, Chiesa di San Francesco al Corso, Verona


  • Quintetto, 2016

    violoncello, 2 violini, 2 viole, acciaio armonico, ferro, sistema di riproduzione audio multicanale e composizione audio
    dimensioni ambientali


  • Aritmetiche architetture sonore, 2012

    cavi d'acciaio, speakers, sistema di riproduzione audio
    dimensioni ambientali


  • Acustiche derive visionarie, 2011

    12 tubi in plexiglass, speakers, cavi, dvd
    dimensioni ambientali


  • Concerto per natura morta, 2014

    13 tronchi di castagno, speakers, cavi audio, composizione, sistema di riproduzione audio (2 amplificatori 8 canali, lettore audio 8 canali)
    dimensioni ambientali


  • Risonanti pressioni materiche, 2014

    trombe acustiche in ceramica, plexiglass, composizione sonora, sistema di riproduzione audio
    60 x 60 x 35 cm


  • Fluide propagazioni alchemiche, 2014

    speaker subacquei, vetro, cavi audio, liquidi vari, composizione, sistema di riproduzione audio
    dimensioni variabili


  • Critici Ostinati Ritmici, 2011

    legno, microcontrollore, elettromagneti a mantello, software, sensori, connessione internet
    dimensioni variabili


  • Unità minime di sensibilità, 2011

    circuiti, computer, schede audio, speakers, connessione internet, cavi
    dimensioni variabili

    News

  • Dal 9 al 27 luglio 2017, presso gli ambienti dell’ex Monastero “Santa Croce” ad Altamura, sarà allestita la mostra d’arte contemporanea Give Me a Body Then.
    Roberto Pugliese parteciperà con un’installazione dal titolo Acustiche tensioni matematiche (2017) insieme a Saskia Fisher, Katharine Fry, Michele Giangrande, Giuseppe Teofilo e Natalia Trejbalova.
    9-27 luglio 2017 | SANTACROCE, Altamura


  • Una serie di artisti, sia italiani che stranieri, (Andreco, Gabriele Basilico, Pier Paolo Calzolari, Luigi Carboni, Vincenzo Castella, Lynn Davis, Arthur Duff, Alberto Garutti, Massimiliano Gatti, Herbert Hamak, Jacob Hashimoto, Emil Lukas, Marco Neri, Luca Pancrazzi, Lucio Pozzi, Roberto Pugliese), saranno protagonisti di un variegato allestimento composto da opere eterogenee per dimensioni e tecnica, esposte dentro e fuori la galleria nel corso dell’ultimo anno. Dalla scultura alla fotografia, dall’installazione al dipinto.
    24 giugno – 8 settembre 2017 | Studio la Città, Verona


  • Roberto Pugliese presenterà, alla collettiva Art Goes Logomo presso il nuovo spazio espositivo LOGOMO (Turku), l’installazione La finta semplice e le opere Risonanti pressioni materiche e Tromba solo – Omaggio a Paolo Fresu.
    9 giugno – 13 agosto 2017 | LOGOMO, Köydenpunojankatu 14, Turku