“Dopo la rivoluzione del ’68. Verso un’arte planetaria” – conversazione con Renato Barilli

PEL_4243_ridotta

L’associazione ASLC progetti per l’arte, rinnova l’ormai consolidato calendario di appuntamenti culturali, proponendo sabato 5 maggio 2018 alle ore 11:00, un incontro con Renato Barilli, critico e accademico italiano, professore emerito dell’Università di Bologna.
Dopo la rivoluzione del ’68. Verso un’arte planetaria, questo il titolo della “lezione” che Renato Barilli illustrerà al pubblico, partendo dal rinnovamento dei linguaggi artistici di fine anni ’60, fino ai giorni nostri. Un susseguirsi di correnti di cui il professore esaminerà i principali esponenti, non solo italiani, ma anche europei e d’oltre oceano, avvalendosi di una campionatura di immagini.

 

Soci ASLC: ingresso libero
Non Soci: contributo per l’organizzazione 3 €
Si prega di confermare la presenza, scrivendo una mail a info@aslcverona.it, oppure telefonando allo 045 597549

Quando


Inizia: 5 maggio 2018
Finisce: 5 maggio 2018

Dove


Studio la Città
Lungadige Galtarossa 21
37133, Verona

Informazioni


mostre@studiolacitta.it

Altre news

  • Studio la Città parteciperà ad Arte Fiera con il rinnovato concept de LA CITTÀ PROJECTS, con un’allestimento interamente dedicato ai lavori di Vincenzo Castella e Lynn Davis.
    31 gennaio – 4 febbraio 2019 | Padiglione 25 – Stand A/37 | Arte Fiera – Bologna


  • Studio la Città inaugura sabato 1 dicembre 2018 la mostra, curata da Marco Meneguzzono place like home, collettiva che vede esposti i lavori di Brian Alfred, Vincenzo Castella, Igor Eškinja, Anna Galtarossa, Alberto Garutti, Daniel González, Tracey Snelling e Hema Upadhyay.
    1 dicembre 2018 – 9 febbraio 2019 | Studio la Città – Verona


  • Eelco Brand è stato il primo vincitore del premio Will e Jan van Hoof, un premio annuale realizzato in collaborazione con Het Noordbrabants Museum.


  • Lynn Davis è una dei protagonisti della mostra FutuRuins. Il corpo e la pietra che apre mercoledì 19 dicembre 2018 a Palazzo Fortuny, Venezia.
    19 dicembre 2018 – 24 marzo 2019 | Palazzo Fortuny – Venezia


  • Hiroyuki Masuyama è uno dei protagonisti della mostra FutuRuins. Il corpo e la pietra che apre mercoledì 19 dicembre 2018 a Palazzo Fortuny, Venezia.
    19 dicembre 2018 – 24 marzo 2019 | Palazzo Fortuny – Venezia


  • Michael Najjar partecipa alla mostra Civilization: The Way We Live Now, curata da William A. Ewing e Holly Roussel al National Museum of Modern and Contemporary Art di Seoul, con diverse opere della serie outer space.
    fino al 17 febbraio 2019 | National Museum of Modern and Contemporary Art – Seoul


  • In vendita online il catalogo Vincenzo Castella – Mississippi / Tennessee 1976 pubblicato da Humboldt con testi di Frank Boehm e Alberto Saibene. Il libro contiene anche una cartolina con la foto Van Hula Hunt, Memphis Tenn. 1976 firmata e datata al retro dall’artista.


  • Stuart Arends, con Boat with stripes e Gussco, parteciperà alla collettiva, curata da Valerio Dehò, dal titolo RE.USE – Scarti, oggetti, ecologia nell’arte contemporanea. La mostra traccia un viaggio nella storia dell’arte e nella cultura artistica per guardare in dettaglio come il tema del Riuso/RE.USE è stato affrontato nelle varie decadi e dai vari artisti.
    27 ottobre 2018 – 10 febbraio 2019 | Museo Santa Caterina – Casa Robegan – Ca’ dei Ricchi, Treviso


  • Giovedì 27 settembre 2018 inaugura la mostra personale, dal titolo Clouds and Chaos, di Jacob Hashimoto presso la Crow Collection of Asian Art di Dallas.
    28 settembre 2018 – 7 aprile 2019 | Crow Collection of Asian Art, Dallas


  • Apre al pubblico il 21 settembre 2018 la mostra 100% Italia. Cent’anni di capolavori dedicata agli ultimi cento anni di arte italiana, dall’inizio del Novecento ai giorni nostri. L’esposizione, suddivisa in 15 sezioni, vedrà tra le opere esposte anche il piombo Senza titolo del 1972 di Pier Paolo Calzolari all’interno dello spazio dedicato all’arte povera curato da Marco Meneguzzo.
    21 settembre 2018 – 10 febbraio 2019 | Mastio della Cittadella – Torino


  • Ora ci trovate anche su YouTube! Iscrivetevi al nostro canale per rivedere le presentazioni delle mostre spiegate direttamente dagli artisti e dai curatori.