“Imaginary Country” – Daniel González

f6c05c80-c3b5-44e2-a02f-f1305891be74

Il 19 settembre inaugura Imaginary Country di Daniel González, l’installazione effimera che traduce in realtà l’etichettatura virtuale degli hastag (#) su porzioni di spazio concreto del quartiere di Lambrate. Improvvisamente una piazza, il mare e un grattacielo, diventano realtà approvate e condivise, grazie a parole, impresse a mano su striscioni che attraversano le vie Ventura, Flaminio, Conte Rosso, Oslavia e viale delle Rimembranze. Le parole rappresentano un pensiero possibile e allo stesso tempo astratto di un concetto poetico.
Imaginary Country è una architettura semantica realizzata da “pasacalles”, un sistema tradizionale argentino di comunicazione privata sulle strade pubbliche con striscioni dipinti a mano. Il linguaggio stesso ci rivela il carattere di definizione del contesto, in cui l’artista concretizza un immaginario poetico, inconscio o sotteso. Un invito rivolto ai passanti ad immaginare che il proprio quartiere abbia tutto ciò che non possiede ma può desiderare con la propria immaginazione, ovvero la prima vera forma di realtà virtuale ante litteram.

Dopo l’installazione Homeless Rocket with Chandeliers del 2007 e le numerose collaborazioni con la Design Week, prosegue la relazione creativa tra l’artista Daniel González e il tessuto urbano di Lambrate, con un progetto fortemente ispirato dall’immaginario collettivo associato al quartiere.
L’installazione temporanea Imaginary Country è patrocinata dal Municipio 3 del Comune di Milano e sarà visibile fino al devolversi delle parole.

Quando


Inizia: 19 settembre 2017
Finisce: sarà visibile fino al devolversi delle parole (circa 3 mesi)

Dove


Quartiere Lambrate
Milano

Informazioni


mostre@studiolacitta.it
Enti promotori Associazione Made in Lambrate, Municipio 3 del Comune di Milano
Comunicato stampa Scarica qui

Altre news

  • Studio la Città parteciperà ad Arte Fiera con il rinnovato concept de LA CITTÀ PROJECTS, con un’allestimento interamente dedicato ai lavori di Vincenzo Castella e Lynn Davis.
    31 gennaio – 4 febbraio 2019 | Padiglione 25 – Stand A/37 | Arte Fiera – Bologna


  • Studio la Città inaugura sabato 1 dicembre 2018 la mostra, curata da Marco Meneguzzono place like home, collettiva che vede esposti i lavori di Brian Alfred, Vincenzo Castella, Igor Eškinja, Anna Galtarossa, Alberto Garutti, Daniel González, Tracey Snelling e Hema Upadhyay.
    1 dicembre 2018 – 9 febbraio 2019 | Studio la Città – Verona


  • Eelco Brand è stato il primo vincitore del premio Will e Jan van Hoof, un premio annuale realizzato in collaborazione con Het Noordbrabants Museum.


  • Lynn Davis è una dei protagonisti della mostra FutuRuins. Il corpo e la pietra che apre mercoledì 19 dicembre 2018 a Palazzo Fortuny, Venezia.
    19 dicembre 2018 – 24 marzo 2019 | Palazzo Fortuny – Venezia


  • Hiroyuki Masuyama è uno dei protagonisti della mostra FutuRuins. Il corpo e la pietra che apre mercoledì 19 dicembre 2018 a Palazzo Fortuny, Venezia.
    19 dicembre 2018 – 24 marzo 2019 | Palazzo Fortuny – Venezia


  • Michael Najjar partecipa alla mostra Civilization: The Way We Live Now, curata da William A. Ewing e Holly Roussel al National Museum of Modern and Contemporary Art di Seoul, con diverse opere della serie outer space.
    fino al 17 febbraio 2019 | National Museum of Modern and Contemporary Art – Seoul


  • In vendita online il catalogo Vincenzo Castella – Mississippi / Tennessee 1976 pubblicato da Humboldt con testi di Frank Boehm e Alberto Saibene. Il libro contiene anche una cartolina con la foto Van Hula Hunt, Memphis Tenn. 1976 firmata e datata al retro dall’artista.


  • Stuart Arends, con Boat with stripes e Gussco, parteciperà alla collettiva, curata da Valerio Dehò, dal titolo RE.USE – Scarti, oggetti, ecologia nell’arte contemporanea. La mostra traccia un viaggio nella storia dell’arte e nella cultura artistica per guardare in dettaglio come il tema del Riuso/RE.USE è stato affrontato nelle varie decadi e dai vari artisti.
    27 ottobre 2018 – 10 febbraio 2019 | Museo Santa Caterina – Casa Robegan – Ca’ dei Ricchi, Treviso


  • Giovedì 27 settembre 2018 inaugura la mostra personale, dal titolo Clouds and Chaos, di Jacob Hashimoto presso la Crow Collection of Asian Art di Dallas.
    28 settembre 2018 – 7 aprile 2019 | Crow Collection of Asian Art, Dallas


  • Apre al pubblico il 21 settembre 2018 la mostra 100% Italia. Cent’anni di capolavori dedicata agli ultimi cento anni di arte italiana, dall’inizio del Novecento ai giorni nostri. L’esposizione, suddivisa in 15 sezioni, vedrà tra le opere esposte anche il piombo Senza titolo del 1972 di Pier Paolo Calzolari all’interno dello spazio dedicato all’arte povera curato da Marco Meneguzzo.
    21 settembre 2018 – 10 febbraio 2019 | Mastio della Cittadella – Torino


  • Ora ci trovate anche su YouTube! Iscrivetevi al nostro canale per rivedere le presentazioni delle mostre spiegate direttamente dagli artisti e dai curatori.