Roberto Pugliese – “Silenzi d’alberi”

Unità minime di sensibilità, 2011

Silenzi d’alberi è un’esposizione che nasce da una riflessione su una delle espressioni più interessanti dell’arte contemporanea: la sound art. Il titolo della mostra è un verso tratto dalla poesia Serica dell’illustre poeta Andrea Zanzotto, nativo di Pieve di Soligo. Questa mostra guarda infatti alla sua poetica, spesso volta alla riflessione sul rapporto tra essere umano e natura.
L’autore ricerca questo rapporto legame nel paesaggio, la cui essenza gli si rivela non soltanto negli elementi visivi ma anche in quelli sonori. La comunicazione tra uomo e natura è risvegliata e riscoperta dunque attraverso il suono, capace di ricreare questa connessione intima e primordiale. Villa Brandolini ospita 11 artisti internazionali, accomunati nella loro pratica dall’utilizzo del suono, che riflettono sul proprio rapporto con la natura, intesa sia come paesaggio che come singolo elemento naturale. Il percorso si snoda secondo un criterio di presentazione non solo tipologico ma anche generazionale. Dai veterani fino ai più giovani sperimentatori, gli autori presentano opere (di cui alcune site specific) che nell’insieme restituiscono una panoramica sulle diverse tipologie di utilizzo del suono nella pratica artistica: field recording, data sonification, sound visualization, sculture cinetiche, induzione elettromagnetica, sculture interattive, trasduzione elettrica, forza cinetica delle onde sonore, suono randomizzato.

Quando


Inizia: 14 maggio 2017
Finisce: 2 luglio 2017

Dove


Villa Brandolini
Piazza Libertà 7
31053 Pieve di Soligo (TV)

Informazioni


mostre@studiolacitta.it
A cura di: Sonia Belfiore e Lucia Longhi
Comunicato stampa: scarica qui

Altre news

  • Studio la Città è lieta di annunciare che, dopo lo straordinario successo della mostra The End of Utopia, Jacob Hashimoto presenterà tre grandi installazioni presso il Wäinö Aaltonen Museum di Turku – Finlandia.
    9 giugno – 24 settembre 2017 | Wäinö Aaltonen Museum, Turku


  • Michael Najjar è stato invitato alla 7a Biennale Internazionale di Arte Contemporanea di Mosca curata da Yoku Hasegawa.
    15 settembre – 28 ottobre 2017 | Biennale Internazionale, Mosca


  • In occasione della Art Night Venezia, manifestazione nata in stretta collaborazione fra il Comune e l’Università Ca’ Foscari di Venezia, la mostra The End of Utopia – Jacob Hashimoto e Emil Lukas prolungherà l’apertura fino alle 24:00 di sabato 17 giugno 2017.
    17 giugno 2017, 11:00-24:00 | Palazzo Flangini, Venezia


  • In occasione della 57° Biennale d’Arte di Venezia, Studio la Città è lieta di presentare la mostra The end of utopia – Jacob Hashimoto e Emil Lukas che si tiene a Palazzo Flangini.
    9 maggio – 30 luglio 2017 | Palazzo Flangini, Venezia


  • Studio la Città è lieta di annunciare la partecipazione di Vincenzo Castella e di Alberto Garutti alla mostra INTUITION, curata da Axel Vervoordt e Daniela Ferretti, che si terrà a Palazzo Fortuny a Venezia.
    13 maggio – 26 novembre 2017 | Palazzo Fortuny, Venezia


  • Planetary Echoes è la nuova mostra personale di Michael Najjar che si terrà alla Alfred Ehrhardt Foundation di Berlino.
    22 aprile – 18 giugno 2017 | Alfred Ehrhardt Foundation, Berlino


  • L’Università di Padova ha accolto l’opera Ghirba di Antonio Ievolella per ricreare la piazza nella Cittadella dello studente.

    Cittadella dello studente –  Lungoargine Piovego 20, Padova


  • La mostra Leidenschaft. Passion – In Focus: Pierre Soulages, che inaugura il 19 febbraio 2017 al Museum Art.Plus, espone opere del pittore francese Pierre Soulages (nato nel 1919 a Rodez, Francia). Accompagnano la mostra altre opere, bidimensionali e tridimensionali, di artisti internazionali che hanno operato con il monocromo, tra le quali opere di Luigi Carboni.
    19 febbraio 201728 gennaio 2018 | Museum Art.Plus, Donaueschingen


  • Trovate il video della mostra outer space di Michael Najjar su ikono.tv e nella sezione Artist of the month. Michael Najjar lavora con la fotografia e il video focalizzandosi sugli elementi chiave della nostra società guidata e “controllata” da tecnologie informatiche e dell’informazione.


  • Ora ci trovate anche su YouTube! Iscrivetevi al nostro canale per rivedere le presentazioni delle mostre spiegate direttamente dagli artisti e dai curatori.