Vincenzo Castella – “Urban Screens”

Immagini 001

Nella splendida cornice della Sinagoga, Vincenzo Castella, maestro della fotografica italiana, espone il suo progetto più recente Urban Screens, labirintica visione di una vegetazione al contempo addomesticata e inconoscibile, riflessione sul rapporto dell’uomo contemporaneo con l’elemento naturale.

Curata da Walter Guadagnini, la mostra espone lungo le pareti dell’edificio, fotografie di grande formato (cm 180 x 226) che accolgono lo spettatore, creando uno spazio straniato, dove la fotografia rivela una riflessione sulle forme della rappresentazione, sulle ideologie e sulle iconografie. Al centro, due schermi presentano un ulteriore evoluzione del processo visivo, che letteralmente si muove tra le superfici e le piante: un universo naturale addomesticato, che attraverso la fotografia trova una sua forma di disordinata bellezza.

Quando


Inizia: 12 aprile 2019
Finisce: 9 giugno 2019

Dove


Fotografia Europea 2019
Sinagoga
via dell’Aquila, 3/a
Reggio Emilia

Informazioni


mostre@studiolacitta.it
Enti promotori Studio la Città, Building gallery
A cura di: Walter Guadagnini

Altre news

  • Luigi Carboni – insieme a Paolo Icaro, Eliseo Mattiacci e Giovanni Termini – è uno dei protagonisti della mostra Incontro a Palazzo.
    26 maggio – 21 luglio 2019 | Galleria Nazionale delle Marche – Palazzo Ducale di Urbino


  • Hiroyuki Masuyama è uno dei protagonisti della mostra Geierwally und der Berg in der zeitgenössischen Kunst che ha inaugurato la scorsa settimana al Kunstmuseum di Solingen.
    Fino al 23 giugno 2019 | Kunstmuseum Solingen, Solingen


  • Jacob Hashimoto prosegue la sua ricerca sull’intersezione tra paesaggio e astrazione, attraverso nuove opere a parete, realizzate a partire dai suoi celebri “aquiloni”, creati per l’occasione con pattern inediti. La mostra a Verona, dal titolo The Heartbeat of Irreducible Curves, arricchisce il programma espositivo dell’artista, il quale, sempre con Studio la Città, sarà presente anche a Venezia, all’interno della collettiva Recursions & Mutations, sull’Isola della Giudecca in occasione della 58a edizione della Biennale.
    4 maggio – 9 novembre 2019 | Studio la Città – Verona


  • Studio la Città inaugura il 4 maggio 2019 la collettiva The Artifact Labyrinth: unfixed histories and the language of transformation, mostra curata da Jacob Hashimoto che, per l’occasione, ha coinvolto quattro artisti d’oltreoceano: Dave HardyDave KennedyElizabeth Moran e Abbey Williams, in un confronto concettuale e visivo tra i loro eterogenei lavori scultorei, installativi e video.
    4 maggio – 27 luglio 2019 | Studio la Città – Verona


  • Tracey Snelling parteciperà alla 58° Biennale d’Arte di Venezia con la sua mostra personale Shanghai/Chongqing Hot Pot/Mixtape sostenuta e promossa da Swatch.
    11 maggio – 14 novembre 2019 | Sala d’Armi – Arsenale, Venezia


  • Studio la Città prosegue l’attività di ricerca che ha intrapreso nell’ultimo decennio nella città di Venezia e organizza, in concomitanza con la 58° edizione della Biennale d’Arte Contemporanea, la mostra Recursions and Mutations con opere di Vincenzo CastellaLynn DavisJacob Hashimoto e Roberto Pugliese
    8 maggio – 28 luglio 2019 | GAD – Giudecca Art District, Giudecca, Venezia


  • In occasione della 58° Biennale d’Arte di Venezia, Studio la Città presenta la mostra After J.M.W. Turner 1834 – 2019 di Hiroyuki Masuyama.
    8 maggio – 28 luglio 2019 | GAD – Giudecca Art District, Giudecca, Venezia


  • La Fondazione Pescheria – Centro Arti Visive di Pesaro promuove un nuovo progetto dedicato alla fotografia che vede protagonista Michele Alberto Sereni. Il fotografo ripercorre, in tre appuntamenti, la storia di questo spazio espositivo; il primo, che inaugura il 2 marzo alle 18:30, sarà dedicato a Jannis Kounellis e alla sua mostra del 2016, curata da Ludovico Pratesi, che fu anche l’ultima prima della sua scomparsa.
    2 marzo – 9 giugno 2019 | Where – Centro Arti Visive Pescheria, Pesaro


  • In vendita online il catalogo Vincenzo Castella – Mississippi / Tennessee 1976 pubblicato da Humboldt con testi di Frank Boehm e Alberto Saibene. Il libro contiene anche una cartolina con la foto Van Hula Hunt, Memphis Tenn. 1976 firmata e datata al retro dall’artista.


  • Ora ci trovate anche su YouTube! Iscrivetevi al nostro canale per rivedere le presentazioni delle mostre spiegate direttamente dagli artisti e dai curatori.