Giorgia Severi al MUSE di Trento

adamello web

Giorgia Severi è tra i venti artisti italiani e internazionali presenti nella mostra Tree Time, che sarà aperta dal 30 ottobre 2020 al 30 maggio 2021 presso il MUSE di Trento.

Da un’idea e progetto espositivo del Museo Nazionale della Montagna di Torino curata da Andrea Lerda e Daniela Berta, la mostra dà voce ai linguaggi dell’arte per una nuova visione, gestione e cura degli alberi, dei boschi e delle foreste, mettendo in relazione ricerca scientifica e artistica.

Gli alberi sono i più grandi alleati per il mantenimento degli equilibri climatici e atmosferici del pianeta, ricoprono quasi il 30% della superficie terrestre e molti formano ecosistemi complessi e affascinanti: le foreste. Il deteriorarsi delle condizioni delle foreste si riflette inevitabilmente anche sulla qualità della nostra vita, esponendoci a condizioni ogni giorno più insicure e imprevedibili. In risposta, sta emergendo una nuova presa di coscienza dell’impatto che l’interferenza umana esercita sugli ecosistemi naturali e la necessità urgente di ricostruire forme di coesistenza sostenibili per il tempo a venire.

L’opera “can’t see the forest for the trees” di Giorgia Severi parte dalla tempesta di Vaia per guardare dall’alto quello che sta succedendo all’ecosistema del pianeta Terra, ma ancor più una lente di ingrandimento su quello italiano. Un viaggio dall’alto per parlare di biodiversità e paesaggi contaminati, così come di problematiche legate al surriscaldamento terrestre e inquinamento. L’uragano Vaia infatti è stato uno dei tanti eventi climatici catastrofici degli ultimi decenni che esplicano sempre più il fatto che il nostro paese sta andando verso la tropicalizzazione. Il titolo è ispirato alla tipica espressione inglese “can’t see the forest for the trees”, utilizzata quando non si riesce ad avere una visione chiara della situazione perché ci si concentra troppo sui piccoli dettagli e non si riesce a vedere che invece tutto funziona come un grande network, ossia come una foresta dove tutti i singoli elementi sono in relazione tra loro. Partendo infatti dalla tempesta Vaia, l’opera affronta le attuali problematiche ambientali che sono tutte collegate per cause e conseguenze di varia natura: geologica, climatica e antropica.

Artisti in mostra:
Gabriela Albergaria, Emanuela Ascari, Joseph Beuys, Simone Berti, Ursula Biemann e Paulo Tavares, Walter Bonatti, Gabriella Ciancimino, Aron Demetz, Hannes Egger, Sam Falls, Helen Mayer Harrison & Newton Harrison, Jiri Havel, Cesare Leonardi e Franca Stagi, Cecylia Malik, Federico Ortica, Sunmin Park, Steve Peters, Giusy Pirrotta, Craig Richards, Vittorio Sella, Giorgia Severi, Formafantasma, Mali Weil, Museo Wunderkammer, Ermenegildo Zegna
Concept scientifico e testi di Matteo Garbelotto

Guarda il trailer delle mostra.

Quando


Inizia: 30 ottobre 2020
Finisce: 30 maggio 2021

Dove


MUSE – Museo delle Scienze di Trento
Corso del Lavoro e della Scienza 3
38122 Trento TN

Informazioni


www.muse.it
Enti promotori Museo Nazionale della Montagna di Torino
A cura di: Andrea Lerda e Daniela Berta

Altre news

  • Michael Najjar partecipa alla mostra: OVERVIEW EFFECT, ospitata presso Il Museo d’Arte Contemporanea di Belgrado (MOCAB), con 3 opere su larga scala tratte dalla serie “outerspace”. Il titolo, tratto dall’omonimo libro di Frank White del 1987, descrive il cambiamento cognitivo riportato da un certo numero di astronauti che hanno rimirato il loro pianeta natale dalla prospettiva dello spazio. Dal 19 giugno al 20 settembre 2021


  • La nuova collezione estiva del marchio Angela Caputi Giuggiù è ora disponibile presso il nostro showroom. Le creazioni di Angela Caputi, designer fiorentina affermata in tutto il mondo per i suoi bijoux unici, hanno varcato le porte dei più importanti musei del mondo, come il Metropolitan Museum of Art di New York, il Museo degli Argenti e la Galleria del Costume di Firenze.


  • Posticipata di alcuni mesi, l’edizione 2020/2021 del Premio Lissone propone le opere di quindici artisti selezionati quest’anno nonché quelle delle precedenti quattro edizioni conservate nelle collezioni museali. Tra i nomi selezionati siamo fieri di comunicare la presenza di Luigi Carboni. Dal 6 giugno al 3 ottobre presso il MAC.


  • A partire dal 5 giugno e per tutto il periodo estivo, Studio la Città dedica un omaggio al celebre fotografo Gabriele Basilico, riservando alcune sale della galleria al suo lavoro sulla città di Beirut e alla proiezione del film Beyrouth Centre Ville, 1991 di Tanino Musso. Fino al 25 settembre 2021.


  • Studio la Città inaugura sabato 5 giugno (ingresso su prenotazione) la mostra I am one acquainted with the night, collettiva di artisti libanesi, a cura di Marc Mouarkech, organizzata in collaborazione con la Galleria Tanit di Beirut. La mostra è accompagnata da un testo di Marco Meneguzzo. Fino al 25.09.2021

     


  • Le installazioni pubbliche di Jacob Hashimoto negli USA, spiegate in un’ampia intervista a cura di Nina Azzarello su Designboom. Leggi QUI l’articolo completo
    ph. credits Mario Gallucci


  • Siamo lieti di annunciare che l’installazione Untitled – Rot PR170 di Herbert Hamak è entrata a far parte di una prestigiosa collezione privata americana. Hamak si concentra sulla purezza del colore, esaltata da un uso sapiente della luce che, filtrata dalla resina, la plasma e la rende diversa a seconda dei diversi momenti di lettura.


  • Giorgio Vigna espone la sua opera Fuochi d’acqua all’interno della mostra: Vitrea, proposta dalla Triennale Milano in collaborazione con Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte.
    Vitrea
    Vetro italiano contemporaneo d’autore
    Triennale Milano, 5 Maggio – 22 Agosto 2021, a cura di Jean Blanchaert


  • L’esposizione primaverile de LE STANZE DEL VETRO, dedicata alla straordinaria collezione di animali di vetro di Pierre Rosenberg, Presidente-Direttore onorario del Museo del Louvre di Parigi, vede tra i protagonisti anche Giorgio Vigna con l’opera Contrasti Birds by Vigna for Iittala.

    LE STANZE DEL VETRO
    Progetto di Fondazione Giorgio Cini onlus e Pentagram Stiftung
    Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore
    26 aprile – 1 agosto 2021


  • La mostra Today I would like to be a Tree raccontata attraverso le parole di Hélène de Franchis in un’intervista a cura della redazione di Exibart.
    CLICCA QUI per leggere l’articolo integrale.


  • A Poem is a City è un cortometraggio di Tracey Snelling e Arthur Debert, prodotto da Künstlerhaus Bethanien. Ambientato in una narrazione di A Poem is a City di Charles Bukowski, dove Snelling diventa un personaggio dei suoi mini paesaggi urbani… GUARDA IL CORTO


  • Tracey Snelling è l’artista premiata dal Foundwork Artist Prize 2020, il premio annuale per gli artisti contemporanei.
    La sua opera “Lost Year Motel” è stata presentata per la prima volta negli spazi di Studio la Città in occasione della mostra La Musée 2, conclusasi il 21 novembre 2020.


  • Hiroyuki Masuyama è uno degli artisti esposti all’interno della mostra True Fictions. Fotografia visionaria dagli anni ’70 ad oggi, la prima retrospettiva mai realizzata in Italia sul fenomeno della staged photography. L’esposizione apre alla Fondazione Palazzo Magnani (RE) il 17 ottobre 2020 e si concluderà il 4 luglio 2021.


  • Michael Najjar è uno degli artisti che fanno parte della nuova mostra presso le Gallerie d’Italia di Vicenza dal titolo FUTURO | Arte e società dagli anni Sessanta a domani. L’esposizione, ideata e curata da Luca Beatrice e Walter Guadagnini con il patrocinio del Comune di Vicenza, è aperta dal 3 ottobre 2020 al 27 giugno 2021.


  • Studio la Città prosegue la collaborazione con i Musei Civici e in particolare con il Museo di Castelvecchio. Questa volta protagonista della collaborazione è l’installazione dell’artista ateniese Costas Varotsos, intitolata Orizzonte, un’opera del 1996 in ferro e vetro che l’artista, abituato a cimentarsi in grandi spazi spesso naturali, ha scelto di collocare nel Giardino di Castelvecchio.


  • In occasione dell’anniversario per i 50 anni di attività di Studio la Città, Artnet pubblica un’intervista ad Hélène de Franchis nella quale la gallerista si racconta e svela il contenuto del video realizzato per celebrare i momenti più salienti della sua carriera.
    LEGGI l’articolo completo


  • In questo video-documentario Jacob Hashimoto svela in anteprima al pubblico, direttamente dal suo studio di New York, la realizzazione creativa della sua prima bicicletta, ideata in collaborazione con l’officina Dario Pegoretti all’interno del progetto Ciavete. GUARDA IL VIDEO


  • Segnaliamo questo interessante video nel quale Jacob Hashimoto riflette sulle sue più importanti installazioni site-specific ispirate al mondo della realtà virtuale e, in particolare, al celebre videogioco Minecraft. Guarda il VIDEO!


  • Ora ci trovate anche su YouTube! Iscrivetevi al nostro canale per rivedere le presentazioni delle mostre spiegate direttamente dagli artisti e dai curatori.