Giorgia Severi al MUSE di Trento

adamello web

Giorgia Severi è tra i venti artisti italiani e internazionali presenti nella mostra Tree Time, che sarà aperta dal 30 ottobre 2020 al 30 maggio 2021 presso il MUSE di Trento.

Da un’idea e progetto espositivo del Museo Nazionale della Montagna di Torino curata da Andrea Lerda e Daniela Berta, la mostra dà voce ai linguaggi dell’arte per una nuova visione, gestione e cura degli alberi, dei boschi e delle foreste, mettendo in relazione ricerca scientifica e artistica.

Gli alberi sono i più grandi alleati per il mantenimento degli equilibri climatici e atmosferici del pianeta, ricoprono quasi il 30% della superficie terrestre e molti formano ecosistemi complessi e affascinanti: le foreste. Il deteriorarsi delle condizioni delle foreste si riflette inevitabilmente anche sulla qualità della nostra vita, esponendoci a condizioni ogni giorno più insicure e imprevedibili. In risposta, sta emergendo una nuova presa di coscienza dell’impatto che l’interferenza umana esercita sugli ecosistemi naturali e la necessità urgente di ricostruire forme di coesistenza sostenibili per il tempo a venire.

L’opera “can’t see the forest for the trees” di Giorgia Severi parte dalla tempesta di Vaia per guardare dall’alto quello che sta succedendo all’ecosistema del pianeta Terra, ma ancor più una lente di ingrandimento su quello italiano. Un viaggio dall’alto per parlare di biodiversità e paesaggi contaminati, così come di problematiche legate al surriscaldamento terrestre e inquinamento. L’uragano Vaia infatti è stato uno dei tanti eventi climatici catastrofici degli ultimi decenni che esplicano sempre più il fatto che il nostro paese sta andando verso la tropicalizzazione. Il titolo è ispirato alla tipica espressione inglese “can’t see the forest for the trees”, utilizzata quando non si riesce ad avere una visione chiara della situazione perché ci si concentra troppo sui piccoli dettagli e non si riesce a vedere che invece tutto funziona come un grande network, ossia come una foresta dove tutti i singoli elementi sono in relazione tra loro. Partendo infatti dalla tempesta Vaia, l’opera affronta le attuali problematiche ambientali che sono tutte collegate per cause e conseguenze di varia natura: geologica, climatica e antropica.

Artisti in mostra:
Gabriela Albergaria, Emanuela Ascari, Joseph Beuys, Simone Berti, Ursula Biemann e Paulo Tavares, Walter Bonatti, Gabriella Ciancimino, Aron Demetz, Hannes Egger, Sam Falls, Helen Mayer Harrison & Newton Harrison, Jiri Havel, Cesare Leonardi e Franca Stagi, Cecylia Malik, Federico Ortica, Sunmin Park, Steve Peters, Giusy Pirrotta, Craig Richards, Vittorio Sella, Giorgia Severi, Formafantasma, Mali Weil, Museo Wunderkammer, Ermenegildo Zegna
Concept scientifico e testi di Matteo Garbelotto

Guarda il trailer delle mostra.

Quando


Inizia: 30 ottobre 2020
Finisce: 30 maggio 2021

Dove


MUSE – Museo delle Scienze di Trento
Corso del Lavoro e della Scienza 3
38122 Trento TN

Informazioni


www.muse.it
Enti promotori Museo Nazionale della Montagna di Torino
A cura di: Andrea Lerda e Daniela Berta

Altre news

  • Dal 5 luglio, alla Rocca Roveresca di Senigallia è possibile visitare la mostra Vincenzo Castella. Rinascimento, luce naturale, a cura di Francesca Fabiani, dedicata alle architetture del Rinascimento italiano.
    L’esposizione è nata dalla collaborazione tra l’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD), e il Palazzo Ducale di Urbino – Direzione Regionale Musei Nazionali delle Marche.


  • Studio la Città rinnova la collaborazione con Art Stays a Ptuj. La ventiduesima edizione del più grande festival d’arte contemporanea della Slovenia, prevede mostre, performance e progetti di artisti internazionali tra i quali Shaun Gladwell con il video In a Station of the Metro, e Davide Maria Coltro con due opere inedite della serie SPY PORTRAITS.

    Il programma è stato realizzato dal direttore artistico del festival Jernej Forbici e dalla direttrice creativa Marika Vicari, insieme a curatori ospiti.

    Fino all’8 settembre 2024


  • La mostra Il coraggio della pittura presenta il periodo più produttivo di Paolo Patelli, quando le sue opere seducevano il grande pubblico delle fiere italiane e internazionali. Le opere vanno dal 1988 al 1991 con l’obiettivo di riproporre oggi un modo ancora attuale di essere pittura: fisico, materico, colorato, agito. In galleria fino al 16 ottobre 2024.


  • Anna Galtarossa ritorna allo Studio la Città sabato 15 giugno con una mostra tutta nuova. L’artista entra con i suoi arazzi in una personale che dovrebbe rispondere alla domanda Cos’è la pittura? In galleria fino al 16 ottobre 2024.


  • Davide Maria Coltro inaugura sabato 15 giugno la sua prima personale a Studio la Città: Una tela viva. L’invenzione del Quadro Mediale, la mostra prosegue fino al 16 ottobre 2024.


  • Ha aperto al pubblico martedì 14 maggio nella Galleria Regionale di Palazzo Bellomo a Siracusa l’esposizione site specificDavide Bramante Pan_Estesìa. Tutta la bellezza che ho negli occhi”, una mostra non~curata da Laura Milani e dalla équipe di Civita Sicilia, promossa dal Museo che la ospita, prodotta e organizzata da Civita Sicilia. Fino al 31 ottobre 2024.


  • Il taccuino che Giorgio Vigna ha donato alla Collezione della Moleskine Foundation è esposto nella mostra Detour “Il leggendario potere della creatività su carta” in collaborazione con Moleskine negli spazi della Pinacoteca Ambrosiana di Milano fino all’11 giugno 2024.


  • About Us è il nuovo progetto artistico di Tracey Snelling, curato da Luca Massimo Barbero, per la Casa di The Human Safety Net che fino al 24 marzo 2025 integra il percorso interattivo di A World of Potential alle Procuratie Vecchie in Piazza San Marco a Venezia.


  • Fino al 16 giugno il Museo Diocesano di Vicenza ospita RE GENESIS L’istinto prima della ragione, una doppia personale di Lucio Pozzi e Alberto Salvetti a cura di Sandro Orlandi Stagl e Chiara Fanceschini.


  • L’opera di Luigi Carboni “Oro Ossidazione” (1991) è stata inclusa nel progetto espositivo L’ORO BLU a cura di Leonardo Reganoal Museo dei Bronzi Dorati e della Città di Pergola. La mostra prosegue fino al 15 dicembre 2024. 


  • Sabato 10 febbraio apre in galleria la mostra TORN CURTAIN buongiorno, buonasera. Come in una narrazione di vite parallele la mostra – piuttosto misteriosa e inconsueta – presenta un dialogo figurato tra Luca Massimo Barbero e Hélène de Franchis; oltre 60 le opere esposte scelte secondo il gusto di ciascun curatore e altrettanti artisti appartenenti a periodi diversi della storia dell’arte, con pittura, scultura, installazioni, ceramica. La mostra è stata prorogata al 1 giugno 2024.


  • Verso Terra è la personale di Antonio Ievolella a cura di Nicola Galvan e Mattia Munari allestita negli spazi espositivi di Maco Arte di Padova. Per l’occasione sono esposti alcuni lavori dello scultore beneventano accumunati da un denominatore tematico: l’acqua. La mostra sarà visitabile a ingresso libero fino al 10 febbraio 2024.


  • Hiroyuki Masuyama fa parte degli artisti esposti all’interno della mostra CASPAR DAVID FRIEDRICH. L’arte per una nuova era, presentata alla Hamburger Kunsthalle in occasione del 250° compleanno di Caspar David Friedrich. La mostra prosegue fino al 1° aprile 2024.


  • Il grande dittico in resina e pigmenti di Herbert Hamak è stato scelto dal curatore Truls Blaasmo assieme ad opere d’arte di giovani talenti e grandi artisti internazionali da esporre all’interno della boutique Gucci di via Montenapoleone 5 a Milano, che ha riaperto lo scorso dicembre completamente rinnovata.


  • La Fundación Pablo Atchugarry di Miami presenta 1989 dal Sinai ad Harlem, dell’artista americano, Emil Lukas. La mostra prosegue fino al 27 aprile 2024.


  • Luigi Carboni è uno degli artisti esposti all’interno della mostra IO AMO TE, promossa dalla Città di Teramo con l’organizzazione di Arti Grafiche della Torre, realizzata grazie alla collaborazione dell’Accademia Raffaello e dell’Accademia di Belle Arti di Urbino. La mostra, allestita nella Casa Natale di Raffaello ad Urbino prosegue fino al 14 gennaio 2024.


  • Piazza San Marco diventa teatro dell’evento “Murano Illumina il Mondo”, promosso da The Venice Glass Week e Comune di Venezia. Dodici in totale gli artisti e i designer coinvolti nel progetto, l’invito è stato quello di reinterpretare e trasformare un oggetto di fruizione quotidiana, quale il lampadario, in una vera e propria opera d’arte. Giorgio Vigna, congiuntamente alle maestranze esperte Barovier&Toso, ha dato vita alla scultura luminosa Siphonophera. Fino al 29 febbraio 2024. 


  • L’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD) presenta la mostra fotografica Vincenzo Castella. Rinascimento, luce naturale a cura di Francesca Fabiani, allestita fino al 22 marzo 2024 negli spazi della ex Chiesa delle Zitelle dell’ICCD, nel quartiere Trastevere di Roma.


  • Dal 25 novembre avremo in galleria uno spazio allestito da Corraini Edizioni rivolto principalmente ad un pubblico di giovanissimi, ma più in generale agli appassionati di libri e oggetti d’artista come quelli di Munari, di Enzo Mari e molti altri. Un’occasione per fare o farsi un regalo per le prossime feste. Fino al 23 dicembre 2023.


  • Sabato 25 novembre 2023 alle ore 11:00 inaugura in galleria la mostra Poem without word a cura di Stanislao Vialardi. Hélène de Franchis ha invitato Vialardi, giovane collezionista, a pensare ad una selezione di artisti giovani presenti nella sua collezione e non rappresentati da Studio la Città. Nasce così poem without words, con opere di Cleo Fariselli, Francesca Ferreri, Sophie Ko, Renato Leotta, Agathe Rosa, Manuel Scano Larrazàbal, Serena Vestrucci. Fino al 27 gennaio 2024.


  • L’opera di Tracey Snelling Chongqing Nights sarà allestita all’interno della mostra Look out, see in, personale dell’artista rumeno Cristian Avram, negli spazi espositivi di Boccanera Gallery Milano. Dal 24 novembre 2023 al 13 gennaio 2024.


  • È installata sul tetto del MAXXI di Roma – lato via Masaccio, l’opera Temporali di Alberto Garutti . Una grande scritta luminosa, che dice: Queste luci vibreranno quando in Italia un fulmine cadrà durante i temporali. Quest’opera è dedicata a chi passando di qui penserà al cielo.
    Fino al 6 ottobre 2024


  • Il progetto di Massimiliano Gatti Firaq, già esposto in galleria, farà parte dell’esposizione collettiva dei finalisti del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee, ospitata a Villa Brandolini, Treviso e a cura di Carlo Sala. Dal 25 novembre al 17 dicembre 2023.


  • Al Laguna Art Museum in California è allestita Burghers of Cali a Ballad of Redwood Spirits di Andre Woodward, un’installazione sonora che riunisce i famosi cubi d’albero con l’ultimo lavoro dei Redwood Spirits. Fino al 4 febbraio 2024. 


  • A dieci anni dalla scomparsa, Milano dedica a Gabriele Basilico (1944-2013) una ampia mostra che si articola in due sedi espositive – Palazzo Reale e Triennale Milano – e rappresenta il primo grande omaggio che la città in cui Basilico è nato e ha vissuto rivolge al fotografo e a quel suo sguardo cosmopolita, capace appunto di ascoltare il cuore di tutte le città. Fino all’11 febbraio 2024. 


  • Arthur Duff è uno dei quattro artisti contemporanei chiamati a realizzare opere site specific per la mostra Felicitazioni! CCCP – Fedeli alla linea 1984 – 2024, curata dai quattro fondatori della band. La mostra celebra i 40 anni dall’uscita del primo EP “Ortodossia” dei CCCP e si articola nei Chiostri di San Pietro di Reggio Emilia. La mostra è stata prorogata fino al 10 marzo 2024.


  • Architetture oblique è la personale di Vincenzo Castella in corso in Triennale Milano fino al 7 gennaio 2024. La mostra a cura di Lorenza Bravetta – curatrice per fotografia, cinema e new media di Triennale Milano – presenta due temi indagati da Castella: le città e gli orti urbani.


  • Studio la Città partecipa alla 56a edizione di ArtCologne dal 16 al 19 novembre 2023. In collaborazione con Boccanera Gallery verranno esposti sei artisti: Emil Lukas, Herbert Hamak e Jacob Hashimoto per Studio la Città e Linda Carrara, Andrea Fontanari e Gabriele Grones per Boccanera Gallery.


  • Dal 24 settembre al 29 ottobre 2023, in occasione di Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023, apre al pubblico Quadri come luoghi, a cura di Davide Ferri, in collaborazione con Barbara Meneghel e con il coordinamento di Miral Rivalta. La mostra include il lavoro di 23 artisti ed è strutturata in cinque spazi. Le opere di Antonio Marchetti Lamera sono esposte alla Cascina Castello (BG).


  • Sono circa una ventina i nuovi lavori che l’artista Marcela Cernadas ha realizzato per la mostra Manifesto di Sabbia, concepita dal Centro Studi del Vetro della Fondazione Giorgio Cini in concomitanza con il festival The Venice Glass Week 2023. La mostra prosegue fino al 21 dicembre 2023.