Giorgia Severi al MUSE di Trento

adamello web

Giorgia Severi è tra i venti artisti italiani e internazionali presenti nella mostra Tree Time, che sarà aperta dal 30 ottobre 2020 al 30 maggio 2021 presso il MUSE di Trento.

Da un’idea e progetto espositivo del Museo Nazionale della Montagna di Torino curata da Andrea Lerda e Daniela Berta, la mostra dà voce ai linguaggi dell’arte per una nuova visione, gestione e cura degli alberi, dei boschi e delle foreste, mettendo in relazione ricerca scientifica e artistica.

Gli alberi sono i più grandi alleati per il mantenimento degli equilibri climatici e atmosferici del pianeta, ricoprono quasi il 30% della superficie terrestre e molti formano ecosistemi complessi e affascinanti: le foreste. Il deteriorarsi delle condizioni delle foreste si riflette inevitabilmente anche sulla qualità della nostra vita, esponendoci a condizioni ogni giorno più insicure e imprevedibili. In risposta, sta emergendo una nuova presa di coscienza dell’impatto che l’interferenza umana esercita sugli ecosistemi naturali e la necessità urgente di ricostruire forme di coesistenza sostenibili per il tempo a venire.

L’opera “can’t see the forest for the trees” di Giorgia Severi parte dalla tempesta di Vaia per guardare dall’alto quello che sta succedendo all’ecosistema del pianeta Terra, ma ancor più una lente di ingrandimento su quello italiano. Un viaggio dall’alto per parlare di biodiversità e paesaggi contaminati, così come di problematiche legate al surriscaldamento terrestre e inquinamento. L’uragano Vaia infatti è stato uno dei tanti eventi climatici catastrofici degli ultimi decenni che esplicano sempre più il fatto che il nostro paese sta andando verso la tropicalizzazione. Il titolo è ispirato alla tipica espressione inglese “can’t see the forest for the trees”, utilizzata quando non si riesce ad avere una visione chiara della situazione perché ci si concentra troppo sui piccoli dettagli e non si riesce a vedere che invece tutto funziona come un grande network, ossia come una foresta dove tutti i singoli elementi sono in relazione tra loro. Partendo infatti dalla tempesta Vaia, l’opera affronta le attuali problematiche ambientali che sono tutte collegate per cause e conseguenze di varia natura: geologica, climatica e antropica.

Artisti in mostra:
Gabriela Albergaria, Emanuela Ascari, Joseph Beuys, Simone Berti, Ursula Biemann e Paulo Tavares, Walter Bonatti, Gabriella Ciancimino, Aron Demetz, Hannes Egger, Sam Falls, Helen Mayer Harrison & Newton Harrison, Jiri Havel, Cesare Leonardi e Franca Stagi, Cecylia Malik, Federico Ortica, Sunmin Park, Steve Peters, Giusy Pirrotta, Craig Richards, Vittorio Sella, Giorgia Severi, Formafantasma, Mali Weil, Museo Wunderkammer, Ermenegildo Zegna
Concept scientifico e testi di Matteo Garbelotto

Guarda il trailer delle mostra.

Quando


Inizia: 30 ottobre 2020
Finisce: 30 maggio 2021

Dove


MUSE – Museo delle Scienze di Trento
Corso del Lavoro e della Scienza 3
38122 Trento TN

Informazioni


www.muse.it
Enti promotori Museo Nazionale della Montagna di Torino
A cura di: Andrea Lerda e Daniela Berta

Altre news

  • Alberto Scodro espone i suoi lavori presso la KUNSTHALLE WEST (BZ), all’interno della mostra: “THERE’S A WORLD GOING ON UNDERGROUND”, a cura di Gabriele Salvaterra. Una selezione di artisti contemporanei scandaglia diversi aspetti dell’esistenza umana, per gettare luce su un’intera realtà che va avanti sottoterra a dispetto di tutto.  Fino al 3 ottobre 2021


  • Alcune opere di Marcela Cerandas, tratte dalla serie “Unique Roses” hanno il privilegio di essere esposte quest’anno all’European Glass Context. Bornholm Art Museum e Grønbechs Gård – Danimarca | 11.09 -21.11.2021 – ph. Francesco Allegretto


  • A conclusione della mostra I am one acquainted with the night, inaugurata lo scorso giugno, pubblichiamo la video intervista a Naila Kettaneh-Kunigk, proprietaria della galleria Tanit di Beirut, realizzata da Michele Alberto Sereni. GUARDA IL VIDEO


  • Sabato 9 ottobre 2021, alle ore 11, in alcune sale del nostro spazio espositivo apre una personale di Arthur Duff dal titolo provocatorio: Confuse me for someone who gives a f*%k.
    Accanto alle più note “knotted composition”, la mostra vedrà esposti alcuni lavori inediti, dove l’artista si cimenta in tecniche e assemblaggi assolutamente nuovi.
    Opening su invito  – prenotazione e GREEN PASS obbligatori (clicca qui per prenotare). Mostra in corso fino al 27 novembre 2021.

     


  • Sabato 9 ottobre 2021 alle ore 11 inaugura in galleria la mostra CODICI. David Simpson – Marmi Romani, a cura di Marco Meneguzzo. Opening su invito, obbligo di GREEN PASS. Per prenotare clicca qui. Mostra in corso fino al 27 novembre 2021.


  • Abed Al Kadiri presenta a Londra la sua serie intitolata “17 ottobre 2019”, una mostra che ritrae i suoi giorni in strada durante la Rivoluzione del 17 ottobre 2019 in Libano attraverso 11 disegni, realizzati con inchiostro cinese su carta cinese. Galerie Tanit, Cromwell Place, London – Gallery 12, 01 – 12.09.2021.


  • Dopo l’interruzione dovuta alla pandemia, riapre il MAPO (Museo Arte Ambiente Arena Po). Tre grandi sculture di Antonio Ievolella, Renzogallo e Costas Varotsos, fanno ora parte del rinnovato percorso espositivo a cielo aperto.


  • Between space and surface è la mostra curata da Riccardo Caldura che segna la riapertura dello spazio espositivo dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, il Magazzino del Sale 3Arthur Duff espone qui assieme a Ludovico Bomben e Francesco Candeloro.
    Fino all’11 settembre 2021


  • Le opere di Herbert Hamak e Julia Mangold saranno inserite all’interno del programma espositivo del Festival d’Arte Contemporanea ART STAYS, in Slovenia – sedi varie – dall’8 luglio al 18 settembre 2021.


  • Michael Najjar partecipa alla mostra: OVERVIEW EFFECT, ospitata presso Il Museo d’Arte Contemporanea di Belgrado (MOCAB), con 3 opere su larga scala tratte dalla serie “outerspace”. Il titolo, tratto dall’omonimo libro di Frank White del 1987, descrive il cambiamento cognitivo riportato da un certo numero di astronauti che hanno rimirato il loro pianeta natale dalla prospettiva dello spazio. Dal 19 giugno al 20 settembre 2021


  • Posticipata di alcuni mesi, l’edizione 2020/2021 del Premio Lissone propone le opere di quindici artisti selezionati quest’anno nonché quelle delle precedenti quattro edizioni conservate nelle collezioni museali. Tra i nomi selezionati siamo fieri di comunicare la presenza di Luigi Carboni. Dal 6 giugno al 3 ottobre presso il MAC.


  • Le installazioni pubbliche di Jacob Hashimoto negli USA, spiegate in un’ampia intervista a cura di Nina Azzarello su Designboom. Leggi QUI l’articolo completo
    ph. credits Mario Gallucci


  • Siamo lieti di annunciare che l’installazione Untitled – Rot PR170 di Herbert Hamak è entrata a far parte di una prestigiosa collezione privata americana. Hamak si concentra sulla purezza del colore, esaltata da un uso sapiente della luce che, filtrata dalla resina, la plasma e la rende diversa a seconda dei diversi momenti di lettura.


  • La mostra Today I would like to be a Tree raccontata attraverso le parole di Hélène de Franchis in un’intervista a cura della redazione di Exibart.
    CLICCA QUI per leggere l’articolo integrale.


  • A Poem is a City è un cortometraggio di Tracey Snelling e Arthur Debert, prodotto da Künstlerhaus Bethanien. Ambientato in una narrazione di A Poem is a City di Charles Bukowski, dove Snelling diventa un personaggio dei suoi mini paesaggi urbani… GUARDA IL CORTO


  • In occasione dell’anniversario per i 50 anni di attività di Studio la Città, Artnet pubblica un’intervista ad Hélène de Franchis nella quale la gallerista si racconta e svela il contenuto del video realizzato per celebrare i momenti più salienti della sua carriera.
    LEGGI l’articolo completo


  • In questo video-documentario Jacob Hashimoto svela in anteprima al pubblico, direttamente dal suo studio di New York, la realizzazione creativa della sua prima bicicletta, ideata in collaborazione con l’officina Dario Pegoretti all’interno del progetto Ciavete. GUARDA IL VIDEO


  • Segnaliamo questo interessante video nel quale Jacob Hashimoto riflette sulle sue più importanti installazioni site-specific ispirate al mondo della realtà virtuale e, in particolare, al celebre videogioco Minecraft. Guarda il VIDEO!


  • Ora ci trovate anche su YouTube! Iscrivetevi al nostro canale per rivedere le presentazioni delle mostre spiegate direttamente dagli artisti e dai curatori.