Hiroyuki Masuyama – “After J.M.W. Turner 1834 – 2019”

After J.M.W. Turner 1834 – 2019, 2019

La galleria Studio la Città prosegue l’attività di ricerca che ha intrapreso nell’ultimo decennio nella città di Venezia organizzando, in concomitanza con la 58a edizione della Biennale d’Arte Contemporanea, l’esposizione dal titolo: After J.M.W. Turner 1834 – 2019, mostra personale del giapponese Hiroyuki Masuyama.
Il percorso espositivo, composto da una serie di lightbox di diverse dimesioni, si colloca al piano inferiore della galleria, sorta all’interno del nuovo distretto per l’arte contemporanea GAD – Giudecca Art District. I lavori selezionati prendono ispirazione dalla pittura di viaggio di Joseph Mallord William Turner, lo straordinario pittore inglese vissuto tra Settecento e Ottocento.

Quando


Inizia: 6 settembre 2019
Finisce: 10 novembre 2019

Dove


GAD – Giudecca Art District
Fondamenta San Giacomo 211/B
Sestiere Dorsoduro – Isola della Giudecca
Venezia

Informazioni


mostre@studiolacitta.it
Comunicato stampa Scarica qui

Altre news

  • Mara Isolani intervista Arthur Duff per L’Altro Giornale Channel: l’artista racconta le due mostre che lo vedono coinvolto a Valeggio sul Mincio – come curatore – e a Studio la Città con la personale dei suoi nuovi lavori. Guarda il video


  • Anche quest’anno Studio la Città rinnova la propria presenza “in casa” partecipando alla sedicesima edizione di ArtVerona come La Città Projects. Lo stand sarà suddiviso in due sezioni dal titolo Facing Nature e Floating WorldsLa Natura, la sua forza, il rapporto di difficile convivenza con l’Uomo sono le tematiche affrontate in Facing NatureFloating Worlds è invece un approfondimento sul lavoro altamente scenografico dell’artista siriano Kevork Mourad. Veronafiere | Pad. 12 Stand G4, 15-17 ottobre 2021.


  • Nel quadro del programma dedicato al dialogo tra città e arte contemporanea, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Pavia organizza presso il cortile del Castello Visconteo la mostra Fons vitae di Antonio Ievolella dal 9 ottobre 2021 al 6 gennaio 2022.


  • Nell’ambito di una collaborazione lunga 12 mesi, il MAXXI apre le porte a Swatch Art Peace Hotel, il progetto di residenza d’artista di Swatch. Tra i partecipanti anche l’artista Tracey Snelling con una recente opera del 2020 Lost Year Motel + sign. 01 ottobre 2021 > 24 ottobre 2021, MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo – Roma.


  • Una Porta sul Fiume é il titolo del progetto verrà inaugurato alla Dogana di Fiume giovedì 14 ottobre alle 17.30, in occasione del programma di eventi legati alla manifestazione di ArtVerona 16 e Vinitaly Special Edition: due fiere che quest’anno condivideranno per la prima volta la giornata di domenica 17 ottobre. La mostra d’apertura vedrà protagoniste le installazioni di Costas Varotsos e Herbert Hamak ed è realizzata in collaborazione con i Musei Civici di Verona – Museo di Castelvecchio, la galleria Giorgio Persano e il Canoa Club Club Verona.
    Studio la Città ha inoltre coinvolto il mondo del vino in un progetto realizzato con ISWA – Italian Signature Wines Academy: istituzione che riunisce nove delle più importanti aziende vinicole italiane, presenti in dogana sia durante l’opening che in un evento creato ad hoc nella serata di domenica 17 ottobre. Per informazioni: mostre@studiolacitta.it


  • Alberto Scodro espone i suoi lavori presso la KUNSTHALLE WEST (BZ), all’interno della mostra: “THERE’S A WORLD GOING ON UNDERGROUND”, a cura di Gabriele Salvaterra. Una selezione di artisti contemporanei scandaglia diversi aspetti dell’esistenza umana, per gettare luce su un’intera realtà che va avanti sottoterra a dispetto di tutto.  Fino al 3 ottobre 2021


  • Alcune opere di Marcela Cerandas, tratte dalla serie “Unique Roses” hanno il privilegio di essere esposte quest’anno all’European Glass Context. Bornholm Art Museum e Grønbechs Gård – Danimarca | 11.09 -21.11.2021 – ph. Francesco Allegretto


  • A conclusione della mostra I am one acquainted with the night, inaugurata lo scorso giugno, pubblichiamo la video intervista a Naila Kettaneh-Kunigk, proprietaria della galleria Tanit di Beirut, realizzata da Michele Alberto Sereni. GUARDA IL VIDEO


  • Sabato 9 ottobre 2021, alle ore 11, in alcune sale del nostro spazio espositivo apre una personale di Arthur Duff dal titolo provocatorio: Confuse me for someone who gives a f*%k.
    Accanto alle più note “knotted composition”, la mostra vedrà esposti alcuni lavori inediti, dove l’artista si cimenta in tecniche e assemblaggi assolutamente nuovi.
    Opening su invito  – prenotazione e GREEN PASS obbligatori (clicca qui per prenotare). Mostra in corso fino al 27 novembre 2021.

     


  • Sabato 9 ottobre 2021 alle ore 11 inaugura in galleria la mostra CODICI. David Simpson – Marmi Romani, a cura di Marco Meneguzzo. Opening su invito, obbligo di GREEN PASS. Per prenotare clicca qui. Mostra in corso fino al 27 novembre 2021.


  • Abed Al Kadiri presenta a Londra la sua serie intitolata “17 ottobre 2019”, una mostra che ritrae i suoi giorni in strada durante la Rivoluzione del 17 ottobre 2019 in Libano attraverso 11 disegni, realizzati con inchiostro cinese su carta cinese. Galerie Tanit, Cromwell Place, London – Gallery 12, 01 – 12.09.2021.


  • Dopo l’interruzione dovuta alla pandemia, riapre il MAPO (Museo Arte Ambiente Arena Po). Tre grandi sculture di Antonio Ievolella, Renzogallo e Costas Varotsos, fanno ora parte del rinnovato percorso espositivo a cielo aperto.


  • Between space and surface è la mostra curata da Riccardo Caldura che segna la riapertura dello spazio espositivo dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, il Magazzino del Sale 3Arthur Duff espone qui assieme a Ludovico Bomben e Francesco Candeloro.
    Fino all’11 settembre 2021


  • Le opere di Herbert Hamak e Julia Mangold saranno inserite all’interno del programma espositivo del Festival d’Arte Contemporanea ART STAYS, in Slovenia – sedi varie – dall’8 luglio al 18 settembre 2021.


  • Michael Najjar partecipa alla mostra: OVERVIEW EFFECT, ospitata presso Il Museo d’Arte Contemporanea di Belgrado (MOCAB), con 3 opere su larga scala tratte dalla serie “outerspace”. Il titolo, tratto dall’omonimo libro di Frank White del 1987, descrive il cambiamento cognitivo riportato da un certo numero di astronauti che hanno rimirato il loro pianeta natale dalla prospettiva dello spazio. Dal 19 giugno al 20 settembre 2021


  • Posticipata di alcuni mesi, l’edizione 2020/2021 del Premio Lissone propone le opere di quindici artisti selezionati quest’anno nonché quelle delle precedenti quattro edizioni conservate nelle collezioni museali. Tra i nomi selezionati siamo fieri di comunicare la presenza di Luigi Carboni. Dal 6 giugno al 3 ottobre presso il MAC.


  • Le installazioni pubbliche di Jacob Hashimoto negli USA, spiegate in un’ampia intervista a cura di Nina Azzarello su Designboom. Leggi QUI l’articolo completo
    ph. credits Mario Gallucci


  • Siamo lieti di annunciare che l’installazione Untitled – Rot PR170 di Herbert Hamak è entrata a far parte di una prestigiosa collezione privata americana. Hamak si concentra sulla purezza del colore, esaltata da un uso sapiente della luce che, filtrata dalla resina, la plasma e la rende diversa a seconda dei diversi momenti di lettura.


  • La mostra Today I would like to be a Tree raccontata attraverso le parole di Hélène de Franchis in un’intervista a cura della redazione di Exibart.
    CLICCA QUI per leggere l’articolo integrale.


  • A Poem is a City è un cortometraggio di Tracey Snelling e Arthur Debert, prodotto da Künstlerhaus Bethanien. Ambientato in una narrazione di A Poem is a City di Charles Bukowski, dove Snelling diventa un personaggio dei suoi mini paesaggi urbani… GUARDA IL CORTO


  • In occasione dell’anniversario per i 50 anni di attività di Studio la Città, Artnet pubblica un’intervista ad Hélène de Franchis nella quale la gallerista si racconta e svela il contenuto del video realizzato per celebrare i momenti più salienti della sua carriera.
    LEGGI l’articolo completo


  • In questo video-documentario Jacob Hashimoto svela in anteprima al pubblico, direttamente dal suo studio di New York, la realizzazione creativa della sua prima bicicletta, ideata in collaborazione con l’officina Dario Pegoretti all’interno del progetto Ciavete. GUARDA IL VIDEO


  • Segnaliamo questo interessante video nel quale Jacob Hashimoto riflette sulle sue più importanti installazioni site-specific ispirate al mondo della realtà virtuale e, in particolare, al celebre videogioco Minecraft. Guarda il VIDEO!


  • Ora ci trovate anche su YouTube! Iscrivetevi al nostro canale per rivedere le presentazioni delle mostre spiegate direttamente dagli artisti e dai curatori.