EUGENIO TIBALDI, Verona Landscape #27

Le opere di Eugenio Tibaldi si presentano come un serrato dialogo e confronto sul concetto di identità, tra limite e possibilità di mutamento, quale reale specchio del tempo. La sua indagine, come l’artista scrive nella nota di un testo che accompagna una delle sue opere, prende spunto dagli anni Novanta, “come inizio di un declino economico e culturale che ha investito l’Italia, in particolare le province del Nord e in buona parte anche l’Europa fino a sfociare nella crisi attuale”.

2015
Acrilico bianco e stampa fotografica su carta Fedrigoni
32 x 45 cm
Titolo e firma sul retro
pezzo unico

 2.000,00 ( + IVA 22 % )

1 disponibili