JAMES CASEBERE
The spatial uncanny

L’artista americano James Casebere, nato in Michigan nel 1953, esponente di quella Pictures Generation che a metà degli anni ’70 formò un nuovo vocabolario visivo, indaga il carattere ingannevole e illusorio del medium fotografico, ritenuto lo strumento per eccellenza di riproduzione della realtà oggettiva. Casebere sfida la nostra capacità di vedere il mondo che ci circonda, e impiegando l’artificio, tratto caratterizzante del suo discorso figurativo, crea immagini di paesaggi naturali e urbani, a partire da maquette in scala ridotta che realizza, con estrema dovizia di particolari, nel suo studio.

2001
testi di Christopher Chang, Jeffrey Eugenides, Anthony Vidler
192 pagine
Charta

 50,00

4 disponibili