MIDNIGHT’S CHILDREN

“Midnight’s Children”, cioè “Figli della mezzanotte” è il titolo della mostra che ha raccolto le opere di Riyas Komu, di Jagannath Panda e di Hema Upadhyay, ed è mutuato dal primo e più bel libro dello scrittore indiano Salman Rushdie. Il romanzo racconta di bambini nati attorno al momento della proclamazione dell’indipendenza indiana, e che per questo sarebbero “sensitivi” e legati indissolubilmente da qualcosa di segreto e profondo, indipendente da ogni elemento visibilmente esteriore come la classe sociale, la religione, la casta, la ricchezza, il sesso, l’intelligenza: questo legame peculiare, nel nostro caso, va inteso come la metafora del linguaggio artistico.

Album Fotografico, 2010
Progetto di Michele Alberto Sereni e Beatrice Barbuio
Numerato e firmato sul retro
Tiratura limitata di 100 copie

 15,00 ( + IVA 22 % )

39 disponibili