Hiroyuki Masuyama

Hiroyuki Masuyama

Non sono semplici riproduzioni fotografiche, dei dipinti e degli acquerelli di William Turner, le light box di Hiroyuki Masuyama.
Si tratta, invece, di un’operazione di matrice concettuale sul metodo di lavoro del grande artista inglese. Il soggetto sono le opere che Turner ha realizzato durante il suo viaggio da Londra a Venezia. Masuyama ha ripercorso le tappe del viaggio e come Turner ha preso appunti visivi, solo con un medium diverso: dal disegno è passato alla fotografia.

Allo stesso modo di Turner, che portava con sé appunti grafici e memorie di viaggio in Inghilterra, dove realizzava le opere, Masuyama porta le immagini scattate nel suo studio di Düsseldorf e le sottopone a una complessa operazione di montaggio.
Le immagini di viaggio e le immagini dei dipinti di Turner, diventano così nelle opere di luce, un unicum armonioso in cui vengono superati i limiti spazio-temporali.
Vedi biografia

ROME 1585 - 2012

AFTER J.M.W. TURNER

Voli

Stagioni

Natura

Opere video

Montagne

Installazioni

Video

ROME 1585 - 2012


  • Ruderi del tempio della Concordia, 1756/2012, 2012

    fotografia digitale su carta
    28 x 73 cm


  • Veduta del Foro Romano 1751, 2012

    fotografia digitale su carta
    28 x 82 cm


  • Veduta della Piramide di Caio Cestio 1850/2012, 2012

    fotografia digitale su carta
    28 x 40 cm


  • Veduta del Colosseo, 1756/2012, 2012

    fotografia digitale su carta

AFTER J.M.W. TURNER

Voli

Stagioni

Natura

Opere video

Montagne

    News

  • Con il titolo Infinity and Beyond, il BredaPhoto Festival ha inaugurato l’ottava edizione che indaga sulle possibilità e l’impatto dei progressi in corso in materia di tecnologia e scienza. Per l’occasione sono stati inviati fotografi da tutto il mondo, tra i quali Hiroyuki Masuyama che partecipa con le installazioni: 0 (2010) e Journey Around the World (2003).
    5 settembre – 21 ottobre 2018 | BredaPhoto Festival, Breda


  • Inaugura venerdì 3 agosto 2018 la mostra Hiroyuki Masuyama: Welt / Reise / Zeit al Museum im Kulturspeicher Würzburg.
    3 agosto – 4 novembre 2018 | Museum im Kulturspeicher Würzburg – Würzburg


  • Roberto Pugliese e Hiroyuki Masuyama parteciperanno all’International Exhibition of Contemporary Art in Armenia. La mostra, dal titolo Soundlines of Contemporary Art, evoca Le vie dei canti il noto libro di Bruce Chatwin ed invita artisti internazionali a dialogare, attraverso diversi mezzi espressivi, con artisti armeni.
    25 settembre – 25 ottobre 2018 | ICAE – Armenia


  • Jacob HashimotoHiroyuki MasuyamaKenichi Ogawa e Shu Takahashi sono alcuni dei protagonisti della mostra I Say Yesterday, You Hear Tomorrow. Visions from Japan che inaugurerà mercoledì 11 luglio 2018 a Le Gallerie delle Prigioni di Treviso.
    11 luglio – 4 novembre 2018 | Gallerie delle Prigioni – Treviso


  • Da non perdere l’opera Parigi – Verona di Hiroyuki Masuyama in seguito all’intervento di restauro effettuato dall’artista in persona. L’opera, insieme a Tree III di Jacob Hashimoto, è esposta all’interno della collettiva Luoghi della mente. 20 anni di arte contemporanea alla Galleria d’Arte Moderna “Palazzo Forti” di Verona.

    fino al 30 novembre 2018 | Galleria d’Arte Moderna “Palazzo Forti” – Verona


  • Lichtempfindlich 2 è il titolo della mostra collettiva che ha inaugurato alla Schauwerk Sindelfingen lo scorso 15 aprile 2018 e che resterà in essere fino al 6 gennaio 2020. La mostra raccoglie una serie di fotografie di proprietà della fondazione, tra cui opere di Vincenzo Castella e Hiroyuki Masuyama.
    fino al 6 gennaio 2020 | Schauwerk Sindelfingen – Sindelfingen


  • Inaugura giovedì 29 marzo 2018, alle ore 18:00, la mostra Luoghi della mente. 20 anni di arte contemporanea presso la Galleria d’Arte Moderna “Palazzo Forti” di Verona; la mostra rende omaggio ai vent’anni della politica di acquisizioni d’arte contemporanea inaugurata nel 1997. Tra le opere esposte Tree III di Jacob Hashimoto e Paris-Verona di Hiroyuki Masuyama.
    29 marzo – 30 novembre 2018 | Galleria d’Arte Moderna “Palazzo Forti” – Verona