Anna Galtarossa

Anna è il cuore e difatti costruisce uno spazio al centro della galleria che ospita 5 sculture pendenti dal soffitto che ruotano piano, piano, impercettibilmete. Sono corpi sospesi fatti di materiali soffici e colorati, corpi d’arte animati che ci sfiorano, o che sfioriamo, passandoci in mezzo. Corpi fantasmi e spirituali come dice l’artista. Corpi con cui misuriamo il nostro corpo e in questo sta l’italianità del lavoro della Galtarossa, perché la misura tra corpo e spazio è la cifra italiana della nostra arte che in tal modo mantiene il rapporto con l’antichità e che non riesce mai a perdere

anche quando adotta forme e materie anticlassiche. A detta dell’artista sono fantasmi, fantasmi d’arte, o fatti ad arte che conferiscono una certa spiritualità all’ambiente, ma non quella tetra delle sagrestie, piuttosto quella felice e festosa del piccolo Buddha e del mondo alla rovescia del carnevale e qui sta la sua forma di felice utopia. Questo è anche ciò che concorre a realizzare uno spazio-ambiente anch’esso di misura, spazio ambiente sensibilizzato, fantasmagorizzato dal linguaggio popolare, quello del kitsch che essendo eccesso è pure eccesso di bellezza.
Giacinto Di Pietrantonio
Vedi biografia

Opere Disponibili

Installazioni

Video

Opere Disponibili


  • Divinità Domestiche - nido, 2010

    Materiali vari
    92 x 58 x 40 cm


  • Divinità domestiche - borsetta della nonna, 2010

    Materiali vari
    74 x 43 x 48 cm


  • Skyscraper nursery - Nursery helmet, 2011

    Materiali vari
    170 x 60 x 60 cm


  • Higgs boson blues (spilla), 2013

    Materiali vari


  • De Pisis, 2020

    Incisione di Filippo De Pisis, pittura uniposca su vetro
    50,4 x 35,5 x 2,2 cm


  • Carrà, 2020

    Incisione di Carlo Carrà, pittura uniposca su vetro
    54,3 x 70,2 x 1,7 cm

Installazioni


  • La Musée 2, 2020

    Installation view
    Studio la Città, Verona


  • Cloud Factory, 2012

    Installation view
    Studio la Città, Verona


  • StartUp - evento collaterale a Verona, 2012

    Installation view
    New Galles, Verona


  • StartUp - evento collaterale a Verona, 2012

    Installation view
    Profumerie Douglas, Verona


  • Divinità Domestiche, 2010

    Installation view
    Studio la Città, Verona


  • Divinità Domestiche, 2010

    Installation view
    Studio la Città, Verona

    News

  • Sabato 10 febbraio apre in galleria la mostra TORN CURTAIN buongiorno, buonasera. Come in una narrazione di vite parallele la mostra – piuttosto misteriosa e inconsueta – presenta un dialogo figurato tra Luca Massimo Barbero e Hélène de Franchis; oltre 60 le opere esposte scelte secondo il gusto di ciascun curatore e altrettanti artisti appartenenti a periodi diversi della storia dell’arte, con pittura, scultura, installazioni, ceramica. Fino al 4 maggio 2024.