Mikhael Subotzky

Mikhael Subotzky (nato nel 1981 a Cape Town) è un artista di Johannesburg le cui opere, realizzate con diversi media (tra cui installazioni cinematografiche, video, fotografia, collage e pittura), cercano di affrontare criticamente l’instabilità delle immagini e la politica della rappresentazione.

Subotzky ha partecipato a una serie di importanti mostre internazionali, tra cui recentemente Masculinities: Liberation through Photography al Barbican di Londra (2020), Inheritance: Recent Video Art from Africa al Fowler Museum (UCLA) di Los Angeles (2019) e Ex Africa in varie sedi in Brasile (2017-18). Il suo premiato progetto Ponte City (co-autore con Patrick Waterhouse) è stato presentato ad Art Basel Unlimited nel 2018. L’esposizione completa e l’archivio di questo progetto sono stati acquisiti dal San Francisco Museum of Modern Art e saranno oggetto di una mostra monografica nel 2021. Il lavoro di Subotzky è ampiamente collezionato da istituzioni internazionali, tra cui il Museum of Modern Art (New York), il Solomon R Guggenheim Museum (New York), la National Gallery of Art (Washington), la Tate (Londra), il Centre Pompidou (Parigi), il San Francisco Museum of Modern Art e la South African National Gallery, tra gli altri. Il lavoro di Subotzky è stato incluso nelle biennali di Lubumbashi (2013) e Liverpool (2012). Pixel Interface, una video installazione multicomponente, è stata inclusa in All The World’s Futures, curata da Okwui Enwezor alla 56a Biennale di Venezia (2015).
Vedi biografia

Opere disponibili

Installazioni

Opere disponibili


  • Tamatie, Beaufort West Prison, 2006

    light jet C- print on Fuji Crystal Archive paper
    122 x 145,5 cm


  • Jacks Shine Swanepoel's Shoes, Beaufort West Prison, 2006

    light jet c-print on Fuji Crystal Archive paper
    122 x 145,5 cm


  • Jaco, Beaufort West Prison, 2006

    light jet C- print on Fuji Crystal Archive paper
    122 x 145,5 cm


  • Pasvang, Pollsmoor, 2004

    stampa a pigmenti su carta realizzata con fibre di cotone
    47 x 70 cm


  • Michelle, Mallies Household, Rustdene Township, 2008

    light jet c-print on Fuji crystal archive paper
    122 x 145,5 cm


  • Street Party Saxonwold (0330), 2008

    injekt print su Dibond con vetro rotto dall'artista
    100 x 125 cm


  • Doctor, Vaalkoppies, Beaufort west rubbish dump, beaufort west (0445), 2006

    injeckt print su Dibond
    80 x 100 cm

Installazioni


  • Installation view, 2007

    Studio la Città, Verona

    News

  • Masculinities: Liberation through Photography è una grande mostra collettiva che esplora il modo in cui la mascolinità viene vissuta, interpretata, codificata e costruita socialmente attraverso la fotografia e il film dagli anni ’60 ad oggi. La mostra riunisce oltre 300 opere di oltre 50 artisti pionieri internazionali, fotografi e registi tra i quali anche il nostro artista Mikhael Subotzky. Barbican Art Gallery, Silk Street – Londra | 20 febbraio – 17 maggio 2020